SCUOLA PRIMARIA

scuola salesiana dal 1959

FINALITÁ ISTITUZIONALI

La Scuola Primaria S. M. Mazzarello promuove la formazione integrale dell’individuo, favorendo pertanto la maturazione del bambino, futuro uomo e cittadino.

La Scuola, che ha come compito la promozione dell’alfabetizzazione culturale e della convivenza democratica, organizza Percorsi Formativi adeguati e utilizza le attività educativo-didattiche come strumenti mediante i quali perseguire gli obiettivi di istruzione, formazione, socializzazione ed educazione.

È disponibile a confrontarsi con le nuove sfide poste al mondo dell’educazione dall’influsso della società della conoscenza, del pluralismo culturale e religioso, delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, del fenomeno dell’immigrazione.

L’individuazione dei bisogni e delle domande formative emergenti impone l’impegno di formare cittadini capaci di conoscere ed esercitare i propri diritti, ma anche di tutelare quelli altrui, di adempiere ai propri doveri, di rispettare i singoli e la collettività, utilizzando le competenze acquisite. Gli insegnanti si impegnano dunque nella costante pratica della “Cultura dell’accoglienza incondizionata”, creando una sfera socio-affettiva all’insegna dell’amicizia, della solidarietà, della collaborazione, dell’interazione e consentendo agli alunni di fare esperienza di valori umani e cristiani.

I PROFILI FORMATIVI

L’attività della scuola, in armonia con quanto definito dalla legge di Riforma n. 53 del 2003 e dal Decreto Legislativo n. 7 del 22/01/2007, articola le varie attività in Aree disciplinari disponendo per ognuna di esse i seguenti Traguardi per lo sviluppo delle competenze:

AREA LINGUISTICO ARTISTICO-ESPRESSIVA

L’alunno:

  • partecipa a scambi comunicativi con i compagni e i docenti, rispettando il turno; individua il senso globale e/o le informazioni principali di testi di tipo diverso; legge con tono di voce espressivo o in maniera autonoma e silenziosa testi letterari di vario genere e produce testi legati alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre;
  • sviluppa gradualmente abilità funzionali allo studio, estrapolando dai testi informazioni utili per l’esposizione orale e la memorizzazione e acquisendo una terminologia specifica, tramite attività di riflessione linguistica (comunicazione, lessico, morfologia e sintassi), fino a padroneggiare le conoscenze fondamentali relative all’organizzazione logico-sintattica della frase semplice.

L’alunno:

  • Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri;
  • articola combinazioni timbriche, ritmiche e melodiche, applicando schemi elementari; esegue, da solo e in gruppo, semplici brani strumentali e vocali appartenenti a generi e culture differenti;
  • riconosce gli elementi linguistici costitutivi di un semplice brano musicale, sa apprezzare la valenza estetica e riconoscere il valore funzionale di ciò che si fruisce; applica varie strategie per l’ascolto, l’interpretazione, la descrizione e l’apprezzamento estetico dei brani musicali.

L’alunno:

  • esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare sé stesso e gli altri;
  • articola combinazioni timbriche, ritmiche e melodiche, applicando schemi elementari; esegue, da solo e in gruppo, semplici brani strumentali e vocali appartenenti a generi e culture differenti;

riconosce gli elementi linguistici costitutivi di un semplice brano musicale, sa apprezzare la valenza estetica e riconoscere il valore funzionale di ciò che si fruisce; applica varie strategie per l’ascolto, l’interpretazione, la descrizione e l’apprezzamento estetico dei brani musicali.

L’alunno:

  • acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali; matura attraverso una pluralità di esperienze competenze di gioco-sport;
  • sperimenta in maniera sempre più complessa diverse gestualità tecniche, agisce in ambito scolastico ed extrascolastico, rispettando alcuni criteri di sicurezza per sé e per gli altri e comprendendo il valore delle regole e l’importanza di

riconosce alcuni essenziali principi relativi al proprio benessere psico-fisico legati alla cura del proprio corpo e a un corretto regime alimentare.

AREA STORICO-GEOGRAFICA

L’alunno:

  • conosce elementi significativi del passato del suo ambiente di vita;
  • usa la linea del tempo, per collocare un fatto o un periodo storico, e conosce le società studiate, le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali;
  • organizza le informazioni e le conoscenze tematizzando e usando le concettualizzazioni pertinenti;
  • comprende i testi storici proposti individuandone le caratteristiche; usa carte geo-storiche e gli opportuni strumenti informatici; sa raccontare i fatti studiati e produce semplici testi storici;
  • conosce le società e le civiltà dal Paleolitico alla fine del mondo antico e aspetti fondamentali del passato dell’Italia dal Paleolitico alla fine dell’Impero romano d’Occidente.

L’alunno:

  • si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali;
  • individua, conosce e descrive gli elementi caratterizzanti dei paesaggi, è in grado di conoscere e localizzare i principali “oggetti” geografici fisici e antropici dell’Italia;
  • utilizza il linguaggio della geograficità per interpretare carte geografiche e per realizzare semplici schizzi cartografici e carte tematiche, ricavando informazioni da una pluralità di fonti; coglie nei paesaggi mondiali della storia le progressive trasformazioni operate dall’uomo sul paesaggio naturale.

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICA-TECNICA

L’alunno:

  • si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali, riconosce e rappresenta forme, relazioni e strutture che si trovano in natura o che sono state create dall’uomo, descrive e classifica figure in base a caratteristiche geometriche, progettando e realizzando modelli concreti di vario tipo;
  • utilizza strumenti per il disegno geometrico e i più comuni strumenti di misura, utilizza rappresentazioni di dati per ricavare informazioni; affronta e risolve facili problemi con strategie diverse e si rende conto che in molti casi possono ammettere più soluzioni, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati e spiega a parole il procedimento seguito.

L’alunno:

  • fa riferimento in modo pertinente alla realtà, e in particolare all’esperienza che fa in classe, in laboratorio, sul campo, nel gioco, in famiglia, per dare supporto alle sue considerazioni e motivazione alle proprie esigenze di chiarimenti;
  • sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che lo stimolano a cercare spiegazioni di quello che vede succedere; ha un approccio scientifico ai fenomeni, osservando e riuscendo a schematizzare lo svolgersi dei fatti, e formulando domande;
  • individua nei fenomeni somiglianze e differenze, fa misurazioni, registra dati significativi, identifica relazioni spazio/temporali; individua aspetti quantitativi e qualitativi nei fenomeni, produce rappresentazioni grafiche e schemi;
  • conosce le principali caratteristiche e i modi di vivere di organismi animali e vegetali, ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo del proprio corpo;
  • ha atteggiamenti di cura, che condivide con gli altri, verso l’ambiente scolastico e di rispetto verso l’ambiente sociale e naturale, di cui conosce e apprezza il valore;
  • utilizza in modo corretto il linguaggio, raccontando in forma chiara ciò che ha fatto e imparato, trova informazioni da varie fonti.

L’alunno:

  • riconosce nell’ambiente che lo circonda elementi e fenomeni artificiali;
  • conosce alcuni processi di trasformazione di risorse e di consumo di energia, con il relativo impatto ambientale;
  • conosce e usa oggetti e strumenti coerentemente con le loro funzioni, è in grado di descriverne struttura e funzionamento;
  • legge etichette, volantini o altri documenti tecnici e commerciali per ricavarne informazioni utili su proprietà e caratteristiche di beni o servizi;
  • è in grado di usare i diversi mezzi di comunicazione, a seconda delle diverse situazioni;
  • sa piegare o ritagliare carta e cartoncino con perizia e precisione;
  • produce semplici modelli o rappresentazioni grafiche del proprio operato con gli elementi del disegno tecnico o strumenti multimediali; inizia a riconoscere in modo critico le caratteristiche, le funzioni e i limiti della tecnologia attuale.

I PERCORSI FORMATIVI

I Percorsi formativi consistono in un cammino di formazione e di crescita della persona che conduce il bambino a realizzare i profili delineati. Tali percorsi si svolgono attraverso una composizione organica e coerente di Unità di Apprendimento.

Per Unità di Apprendimento si intende ogni unità di organizzazione del processo di insegnamento/apprendimento per obiettivi specifici di apprendimento, costituiti da conoscenze e da abilità e trasformati in obiettivi formativi (competenze).

In ragione delle sue specifiche finalità educative, la scuola primaria S. Maria Mazzarello contribuisce a promuovere la continuità del processo educativo, come condizione essenziale per un positivo conseguimento delle finalità dell’istruzione obbligatoria. Per raggiungere tale obiettivo, vengono creati momenti di raccordo pedagogico, curricolare ed organizzativo con la scuola dell’Infanzia e la scuola secondaria di primo grado

CRITERI E MODALITÁ DI DISTRIBUIONE DEL MONTE ORE ANNUALE

Nel rispetto delle normative ministeriali vigenti, l’orario settimanale comprende 27 ore curricolari e 2 ore di Attività facoltative-opzionali, e un’ora di attività formative (Santa Messa/incontri di spiritualità/ricorrenze religiose), suddivise nei sei giorni feriali in tempo antimeridiano dalle 8,05 alle 13.00.

Calendario settimanale: 5 h di lezione, dal lunedì al sabato.

Durata di un’ora scolastica: 55’

PHOTOGALLERY